you are here:

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Prima Pagina
Si rifiuta di spostare la propria auto che blocca l'accesso al cortile. Scatta la violenza privata. La Cassazione conferma la condanna PDF Stampa E-mail
Informazioni legali - Sentenze Massime

Cass. pen., sez. V, 19 dicembre 2019, n. 51236

Integra il delitto di violenza privata la condotta di colui che parcheggi la propria autovettura in modo tale da bloccare il passaggio impedendo l'accesso alla persona offesa, considerato che, ai fini della configurabilità del reato in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l'offeso della libertà di determinazione e di azione.

 

Cass. pen. Sez. 5, n. 8425 del 20/11/2013; conf., ex plurimis , Sez. 5, n. 603 del 18/11/2011; Sez. 5, n. 1913 del 16/10/2017; Sez. 5, n. 48369 del 13/04/2017; Sez. 5, n. 29261 del 24/02/2017

 
BONUS FACCIATE 90% SOLO PER CENTRI STORICI E ZONE B PDF Stampa E-mail
Informazioni legali - Nuove Normative

Gli interventi più importanti dovranno rispettare i requisiti di efficienza energetica. Professionisti, imprese e alberghi non avranno accesso alla detrazione

13/12/2019 - Il bonus facciate farà il suo debutto dal 1° gennaio 2020 e sta finalmente assumendo i connotati definitivi. In base al testo oggi all'esame dell'Aula del Senato, la detrazione includerà le manutenzioni ordinarie, ma sarà limitata agli immobili residenziali localizzati nei centri storici e nelle zone già urbanizzate e, nella realizzazione dei lavori più importanti, si dovranno rispettare le norme sulla prestazione energetica degli edifici.

Bonus facciate 90%, edifici e interventi ammessi

Le spese sostenute dal 1° Gennaio al 31 dicembre 2020, per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A (centri storici) e B (totalmente o parzialmente edificate) avranno diritto ad una detrazione dall'imposta lorda pari al 90%. Non è previsto un limite di spesa.
Tra gli interventi che danno diritto alla detrazione sono espressamente inclusi gli interventi di sola pulitura e tinteggiatura esterna.
Saranno ammessi al bonus facciate solo gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi. Sono quindi escluse le finestre.
La detrazione sarà ripartita in dieci quote annuali costanti e di pari importo nell'anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.
Alla misura si applicheranno le disposizioni contenute nel DM 41/1998, contenente il regolamento attuativo in materia di detrazioni per le spese di ristrutturazione edilizia. Il regolamento menziona le detrazioni Irpef. Si può quindi concludere che la detrazione sarà valida per gli edifici residenziali e che, contrariamente a quanto ipotizzato con un altro emendamento, saranno esclusi gli immobili produttivi o destinati allo svolgimento dell’attività professionale. 

Bonus facciate e prestazione energetica degli edifici

Le procedure per ottenere il bonus facciate sui lavori di sola pulitura o tinteggiatura esterna dovrebbero essere abbastanza semplici e saranno comunque definite nel dettaglio dal Governo.
L’iter sarà più articolato per gli interventi più importanti, che abbiano effetti sull’efficienza energetica dell’immobile o interessino oltre il 10% dell'intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio. In questi casi, sarà necessario seguire la normativa sulla prestazione energetica degli edifici, così come accade per gli interventi di efficientamento energetico e per quelli di ristrutturazione edilizia.
In particolare, alla fine dei lavori l’edificio dovrà soddisfare i requisiti minimi di prestazione energetica previsti dal
DM 26 giugno 2015 e, per quanto riguarda la trasmittanza termica, i requisiti della tabella 2 (trasmittanza termica utile delle strutture componenti l'involucro edilizio) del DM 26 gennaio 2010.
In questi casi, inoltre, gli interventi saranno soggetti ai
controlli dell’Enea che, sulla base delle informazioni contenute nelle richieste di detrazione, monitora e valuta il risparmio energetico ottenuto grazie agli interventi.
Resta l’incognita sulle possibili sovrapposizioni con l’Ecobonus. Come già accaduto con le altre detrazioni fiscali, dopo l’entrata in vigore della norma saranno sicuramente necessarie circolari interpretative per dirimere i dubbi.
Il bonus facciate è la novità del 2020, mentre le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica, le ristrutturazioni e l'arredo della casa sono in fase di proroga.

 

Mammarella, P. (2019). Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B. Edilportale.

Disponibile all’indirizzo: https://www.edilportale.com/news/2019/12/normativa/bonus-facciate-90-solo-per-centri-storici-e-zone-b_73812_15.html


 
LEGGE DI BILANCIO 2020 (D.L. N. 124/2019) PDF Stampa E-mail
Informazioni legali - Nuove Normative

L’ART. CHE INTERESSA L'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO FISCALMENTE

Art. 4 – Ritenute e compensazioni in appalti e subappalti ed estensione del regime del reverse charge per il contrasto dell’illecita somministrazione di manodopera

Viene inserito il nuovo art. 17-bis al Dlgs n. 241/1997 per il quale, in caso di appalto e subappalto, il committente dall’1/1/2020 è il soggetto obbligato ad effettuare il versamento delle ritenute fiscali, sulle retribuzioni corrisposte al lavoratore, su provvista mensile messa a disposizione dalle imprese appaltatrici e subappaltatrici.

L’obiettivo della norma è quello di introdurre un sistema che individui la responsabilità del committente, limitandole a quelle derivanti dall’omesso o tardivo versamento delle ritenute fiscali effettivamente subite dal lavoratore e garantendo che le somme necessarie per il loro versamento siano messe a disposizione dal datore di lavoro, o possa essere reperita nei corrispettivi dovuti dal committente all’impresa affidataria del lavoro.

Viene anche estesa l’applicazione del reverse charge alle prestazioni di servizi effettuate tramite contratti di appalto, subappalto, affidamento a soggetti consorziati o rapporti negoziali caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente e con l’utilizzo di beni strumentali di sua proprietà.

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 77