you are here:

Avviso

 

 

VENDO TENUTA AGRICOLA FORESTALE

DI MIA PROPRIETA' A

PESCAGLIA (LU)

CHI E' INTERESSATO MI CONTATTI

 

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Che maggioranza occorre per installare il fotovoltaico? PDF Stampa E-mail
Comunicazione - Chiedi e ti Rispondo

Gentile dott. Umberto Testa,
sono proprietario di un appartamento sito in un edificio di 6 piani col altri 11 proprietari. Il tetto è di proprietà comune a tutti.
Chiedo se si può installare un impianto fotovoltaico per soddisfare i consumi energetici comuni? E' necessaria un'assemblea? E con quale delibera di millesimi?
Inoltre, in caso di finanziamento dell'impianto da parte di un istituto di credito  è  indispensabile l'assenso dei 1000 millesimi?
Grazie e distinti saluti,
Enzo Simioli


La informo che non sono dottore.
Essendo un'innovazione ed andando ad incidere sulle parti comuni occorre un'assemblea straordinaria, il quorum deliberativo è quello indicato dall'art. 26 comma 5 della L. 9 gennaio 1991, n. 10 recante norme per l'attuazione del piano energetico nazionale, di cui si riporta il testo che così recita:
"Per le innovazioni relative all'adozione di sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione del calore e per il conseguente riparto degli oneri di riscaldamento, in base al consumo effettivamente registrato, l'assemblea di condominio decide a maggioranza in deroga agli artt. 1120 e 1136 del codice civile". (2) A norma del comma 2 dell'art. 30 della L. 5 agosto 1978, n. 457, recante norme per l'edilizia residenziale, come aggiunto dall'art. 15 della L. 17 febbraio 1992, n. 179, gli interventi di recupero relativi ad un unico immobile composto da più unità immobiliari possono essere disposti dalla maggioranza dei condomini che comunque rappresenti almeno la metà del valore dell'edificio. La medesima norma dispone, altresì, che se viene approvato dalla regione ed ammesso al finanziamento pubblico il risanamento delle parti comuni dell'edificio, tutti i proprietari sono obbligati a concorrere alle spese necessarie in rapporto ai millesimi di proprietà loro attribuiti; in caso di rifiuto, la deliberazione del riparto della spesa a titolo esecutivo per l'ottenimento delle somme da recuperare”.