you are here:

Avviso

 

 

VENDO TENUTA AGRICOLA FORESTALE

DI MIA PROPRIETA' A

PESCAGLIA (LU)

CHI E' INTERESSATO MI CONTATTI

 

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Giorni per impugnare un'assemblea e maggioranze PDF Stampa E-mail
Comunicazione - Chiedi e ti Rispondo

Salve sig. Testa,
la presente per porre la sua attenzione su di una questione particolarmente importante.
Sono l'amministratore di un condominio di 20 unità + 20 garage; abbiamo un impianto gpl (bombolone interrato nel nostro parco) centralizzato e n. 20 contatori, con altrettanti contratti stipulati dai condomini, per la fornitura del gpl negli appartamenti. Si e' deciso di dismettere con il servizio gpl e preventivare un impianto a metano. Bisogna inoltre effettuare anche dei lavori interni al parco per porre gli attuali contatori all'esterno del parco per l'approvazione da parte della società di metano dell'intero impianto.
Dopo aver ricevuto più preventivi dei lavori da effettuare, ho indetto una riunione ordinaria.
A tale riunione hanno partecipato in seconda convocazione 7 proprietari e altrettanti 7 persone con regolare delega ( 14 unità rappresentate e + del 50% + 1 dei millessimi presenti). In tale riunione abbiamo approvato all'unanimità un preventivo e la quota da partizionare tra i condomini e il relativo termine di pagamento, imposto per il 5 settembre.
A 3 giorni dalla fine del termine, un proprietario non presente alla riunione mi ha parlato di invalidità dell'approvazione del preventivo in quanto non votato dalla maggioranza e che se li volesse potrebbe impugnare entro 30gg il verbale condominiale per chiederne l'annullamento.
Mi potreste delucidare in merito e se veramente sono 30 i giorni utili per opporsi ad un'assemblea avvenuta?
Leggevo infatti che per questo tipo di impianto occorre la maggioranza dei millesimi (a mio avviso presente alla riunione).
Grazie anticipatamente.
Salvatore


Le maggioranze assembleari sono stabilite dall'art. 1136 del c.c. e dalle leggi speciali inerenti gli argomenti che di volta in volta hanno fatto modo che il legislatore abbia ritenuto opportuno variarle per interesse nazionale, come per il riscaldamento per ciò che è inerente il risparmio energetico e l'inquinamento. La norma inerente il riscaldamento è il D.P.R. 412/93 che cambia le maggioranze assembleari da straordinarie a semplici, ossia le porta a rispettare il secondo comma dell'art. 1136 c.c. per le variazioni inerenti il vostro impianto di riscaldamento se è dimostrato che esse portano ad un risparmio ed a un minor inquinamento si applicano le maggioranze stabilite nel D.P.R. 412/93. Comunque non sapendo io ciò dovrà lei analizzare le norme su citate in merito all'argomentazione e vedere in quali maggioranze rientra la vostra delibera assembleare.
Per quanto concerne i tempi per l'impugnativa, sono 30 giorni dal momento che si viene a conoscenza della delibera, che sarebbe dalla sera dell'assemblea per coloro che vi hanno partecipato direttamente o per delega e dal momento del ricevimento del verbale per coloro che non vi hanno partecipato. Tale impugnativa si deve fare rivolgendosi al giudice.
Distinti saluti
Umberto Testa