you are here:

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

La modificazione di una parte comune e della sua destinazione , ad opera di un condomino, non è permessa PDF Stampa E-mail
Informazioni legali - Sentenze Massime
Corte di Appello di Firenze, Sezione I, 24 gennaio 2005, n. 154

In caso di condominio degli edifici, la modificazione di una parte comune e della sua destinazione, ad opera di taluno dei condomini, può sottrarre la cosa alla sua specifica funzione e quindi al compossesso di tutti i condomini, e legittima gli altri all'esperimento dell'azione di reintegrazione per il ripristino dello stato precedente.
I condomini hanno, sulle parti comuni dell'edificio, solo il possesso (corpore et animo) e quindi hanno diritto di agire, nel concorso di tutti i requisiti per tale azione, per la tutela possessoria in relazione ad atti compiuti da un condomino che interessino parti comuni.