you are here:

Avviso

 

 

VENDO TENUTA AGRICOLA FORESTALE

DI MIA PROPRIETA' A

PESCAGLIA (LU)

CHI E' INTERESSATO MI CONTATTI

 

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

L'amministratore è leggittimato ad agire in sede giudiziale? PDF Stampa E-mail
Informazioni legali - Sentenze Massime

L'amministratore è legittimato a chiedere in via riconvenzionale la condanna del condomino al pagamento di contributi condominiali

Cass. Sez. III Civ, Sentenza del 22/04/2008, n. 10369

""...La legittimazione dell'amministratore del condominio dal lato attivo coincide con i limiti delle sue attribuzioni" e "in tale contesto l'amministratore ha la facolta' di proporre tutti i gravami che successivamente si rendano necessari in conseguenza della vocatio in ius."
Qualora il convenuto propone una domanda riconvenzionale lo stesso si fa, a sua volta, "attore" e non controverso - per stessa ammissione dei ricorrenti - che nella specie la riconvenzionale spiegata dall'amministratore riguardava proprio la pretesa di ottenere il pagamento di contributi condominiali, è evidente che l'amministratore, avendo agito nell'ambito nei limiti delle attribuzioni dell'articolo 1130 c.c. (in particolare, del n. 3 di tale articolo), bene poteva agire attivamente in giudizio al fine di "riscuotere i contributi per le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni", a prescindere da una previa delibera della assemblea e correttamente, a seguito del rigetto di tale domanda da parte del primo giudice, ha proposto impugnazione innanzi alla Corte di appello....".