you are here:

Avviso

 

 

VENDO TENUTA AGRICOLA FORESTALE

DI MIA PROPRIETA' A

PESCAGLIA (LU)

CHI E' INTERESSATO MI CONTATTI

 

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Cattivi odori PDF Stampa E-mail
Comunicazione - Chiedi e ti Rispondo

Gentile Signore,
Vi espongo brevemente il mio "problema".
Abito in un piccolo condominio di 7 famiglie in cui non esiste l'amministratore condominiale.
Una famiglia composta da una donna di 50 anni è fissata di sentire odori cattivi nel condominio e vorrebbe aperte le finestre a tutte le ore.
Le 6 famiglie le abbiamo scritto e firmato che non siamo d'accordo in quanto fa freddo e siccome il portone è nascosto all'interno di un cortile può essere di facile accesso, grazie alle grondaie, a malintenzionati.
Le famiglie che hanno l'appartamento al primo e secondo piano sono state categoriche sulla chiusura delle "loro" finestra in quanto la signora abita sul mio stesso pianerottolo al terzo piano. Ora io mi ritrovo a fare la lotta di chiusura-apertura perchè per la signora è rimasta solo la "nostra" finestra.
A me non sembra giusto, intanto dobbiamo assorbirci tutto il freddo (ed ho due bimbi piccoli), perchè grazie alla mia finestra aperta anche le altre famiglie hanno il portone aereggiato. Esiste un regolamento di condominio in base al quale ci si alterna? Ed a che ora si devono tenere aperte le finestre? Con quale legge posso avvalermi? Non so tipo il risparmio energetico? Aiutatemi.
Vi ringrazio.
Silvana Ferra

Per quanto concerne l'apertura e chiusura finestre ci si rifa al buon senso, non ci sono norme.
Quanto concerne i cattivi odori le riporto una sentenza della Suprema Corte:
Esalazioni maleodoranti - Integrabilità del reato di cui all'art. 674 c.p
Cass. pen., sez. III, 31 gennaio 2006, n. 3678
Anche le emissioni di esalazioni maleodoranti possono integrare il reato di cui all'art. 674 c.p., getto pericoloso di cose, a condizione che presentino un carattere non del tutto momentaneo e siano "intollerabili o almeno idonee a cagionare un fastidio fisico apprezzabile (es. nausea, disgusto) ed abbiano un impatto negativo, non necessariamente fisico ma anche anche psichico, sull'esercizio delle normali attività quotidiane di lavoro e di relazione (es. necessità di tenere le finestre chiuse, difficoltà di ricevere ospiti, ecc.).

Quindi potete procedere contro la famiglia che emette cattivi odori e risolvere il Vs problema.
Distinti saluti

Umberto Testa