you are here:

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Risarcimento per il causato minor valore PDF Stampa E-mail
Comunicazione - Chiedi e ti Rispondo
abito al 1 piano di un condominio. 
dopo avere avuto l'approvazione del progetto da parte del comune ho iniziato i
lavori di costruzione di un balcone senza comunicazione al condominio, ma appena
iniziati i lavori l'inquilino del piano sottostante ha chiesto un indennizzo per il
deprezzamento del suo immobile conseguente alla costruzione del balcone in questione
quantificato nella misura del 10% del valore di mercato del mio immobile (sarebbero
20.000 \ e per venirci incontro ne chiede la metà). Vorrei sapere se ha
effettivamente diritto ad un indennizzo e se la sua richiesta (il 10%) ha un
fondamento. Preciso che :
1) il balcone misura è lungo 6 metri e largo 1.2m e si affaccia su un cortile
interno di circa 15mx 20m
2) al 2? e 3? piano sono stati costruiti balconi uguali al mio (completamento
dell'estetica della facciata)
3) il balcone si trova sopra 2 sole finestre e l'appartamento sottostante ha altre 6
finestre.



In primis bisogna leggere cosa dice il regolamento di condominio in merito alle modifiche delle parti comuni e del decoro architettonico inerente la facciata.

Successivamente se il Regolamento di Condominio non prevede nulla in/nel merito si applicano le norme ed i regolamenti comunali, quindi per poter costruire un balcone non basta la licenza del comune, che la rilascia in genere salvo i terzi, ma, occorre l'approvazione all'unanimità di tutti i partecipanti al condominio, nessuno escluso, in quanto si va ad usare e modificare il muro perimetrale e la facciata, questo non solo per lei, ma anche per gli altri che già hanno apportato tali modifiche costruendolo.

Premesso quanto sopra le devo dire che il signore ha ragione a chiedere l'indennizzo in quanto lei, costruendo il balcone, toglie luce ed aria all'unità sottostante e di conseguenza tale unità ha anche una modifica di valore; per tale unità il risarcimento danni per la diminuzione di valore, io non sono in grado di valutarla, in quanto per una corretta valutazione deve interpellare un tecnico abilitato che non sono né gli agenti immobiliari né noi amministratori, ma sono geometri, architetti ed ingegneri iscritti regolarmente ai loro albi e, le consiglio possibilmente d'interpellarne uno tra quelli iscritti come consulenti di tribunale.

La miglior cosa è quella di accordarsi bonariamente tra condomini senza alcun consulente o persona terza e, trovato l'accordo sottoscriverlo al momento del pagamento dell'indennizzo.

Distinti saluti

Umberto Testa