you are here:

Cerca nel sito

Pubblicità 2

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Pubblicità 3

Per la tua pubblicità, contatta l'amministratore

Variazione tabelle millesimali PDF Stampa E-mail
Comunicazione - Chiedi e ti Rispondo
Gentilissimo dott. Testa, l'argomento è quello della modifica delle tabelle condominiali 
di tipo contrattuale, ovvero redatte dal costruttore e facenti parte
del regolamento del condominio.

Con un'assemblea straordinaria il nostro condominio ha proceduto
alla modifica di tali tabelle, modifica approvata con l'unanimità dei
condomini e dei millesimi.

Successivamente il condominio ha voluto ripristinare le tabelle
originali, eliminando così la modifica di cui sopra, con una assemblea
straordinaria ma senza il totale dei 1000 millesimi, poiché alcuni
condomini hanno espresso voto contrario. L'amministratore ha detto
che la modifica è corretta perché le nuove tabelle sono di tipo
deliberativo e non contrattuale.

Dal mio punto di vista però, dato che le nuove tabelle sostituiscono
le vecchie, dovrebbero da queste ereditarne la "natura", ovvero essere
anch'esse di tipo contrattuale e quindi poter essere cambiate soltanto
con l'unanimità dei condomini e i 1000 millesimi.

Può darmi un Suo parere in merito?
Massimiliano Liccardo
"la velocità induce all'oblio, la lentezza al ricordo"


La variazione delle tabelle millesimali devono essere deliberate sempre all'unanimità, in particolar modo quelle derivanti da un regolamento di condominio di tipo contrattuale. Con la nuova delibera, se approvata con i 2/3 dei millesimi e dei partecipanti al condominio, possono valere come provvisorie ma non come definitive. A suffragio di quello che ho asserito le riporto una sentenza della Suprema Corte:

Per l'approvazione provvisoria delle tabelle millesimale è sufficiente la delibera a maggioranza.
Cass. civ., sez. II, 21 novembre 2006, n. 24670
In tema di ripartizione delle spese di condominio, la mancanza di tabelle millesimali applicabili in relazione alle spese effettuate consente all'assemblea condominiale di adottare, a titolo di acconto e salvo conguaglio, tabelle provvisorie, per le quali non occorre il consenso di tutti i condomini, necessario, invece, per l'approvazione di tabelle definitive.
(Pertanto la deliberazione assembleare maggioritaria, con la quale si sia proceduto alla ripartizione temporanea e provvisoria delle spese in base a una tabella non adottata con il consenso di tutti i condomini, è legittima).

Distinti saluti

Umberto Testa